Risarcimento danni cani aggressivi

Aggressione del cane: il risarcimento danni in caso di morso e lesioni

In caso di aggressione del cane, i danni causati dai morsi vengono risarciti a seguito di una valutazione individuale, come nel caso di qualsiasi risarcimento per lesioni personali. 

A seconda delle condizioni dell’incidente, del livello di responsabilità del proprietario del cane e dello stato della vittima (bambino, adulto, professionista, ecc.), il compenso potrà variare.

Aggressione del cane e risarcimento del danno

In caso di morso del cane, il proprietario dell’animale è generalmente il principale e unico responsabile. Tuttavia, il grado di colpa del proprietario varia a seconda della situazione in cui si è verificato l’incidente. 

Nella maggior parte dei casi, se l’attacco si verifica in un’area pubblica o privata in cui la vittima aveva il diritto di essere presente, il proprietario del cane può essere ritenuto responsabile. 

Spesso, il proprietario è colpevole delle azioni del cane, indipendentemente dal fatto che avesse una conoscenza pregressa dell’aggressività dell’animale.

Ci sono solo due eccezioni a quanto prima descritto:

a) La vittima abbia provocato il cane e in questo caso il proprietario sarebbe libero da responsabilità. 

b) non vi è inoltre alcuna colpa del proprietario se il morso si è verificato all’interno della proprietà privata del proprietario e aveva un segno visibile che diceva “Attenti al cane”. 

Prima di andare in tribunale, puoi concordare con la persona lesa

Quando possibile, ci sono molti vantaggi nel risolvere amichevolmente queste situazioni, cioè senza ricorrere ai tribunali. Accordandosi in via extragiudiziale, è possibile:

  • evitare procedure lunghe e complicate,
  • compensare la vittima più rapidamente,
  • mantenere idealmente buoni rapporti con la vittima quando li conosci.

Come si quantificano l’indennizzo?

Innanzitutto cerca di difenderti da un attacco da parte del cane, e successivamente rivolgiti al pronto soccorso e ad un avvocato. Dimostrando la responsabilità da parte del proprietario, potresti ottenere un risarcimento per:

  • Spese mediche presenti e future. A seconda della gravità dell’attacco, la vittima sarà costretta a pagare per le cure mediche e farmaci. Tutte queste spese devono essere sostenute dai responsabili del cane.
  • Perdita di reddito. A seconda della gravità dell’evento, la vittima potrebbe essere costretta a non poter lavorare. Nel caso in cui la vittima perde il lavoro a causa di un incidente, l’indennità in termini di perdita di reddito sarà molto più elevata.
  • Dolore e sofferenza Il morso di un cane può causare dolore profondo, non solo nel momento preciso del fatto, ma anche durante il periodo di convalescenza che comporta una tale situazione. Questi sono tradotti in termini economici.
  • Disagio emotivo. Una situazione con queste caratteristiche, che comporta dolore, sofferenza, incapacità di lavorare, paura e trauma, può generare angoscia profonda. Potrebbe persino trasformarsi in depressione. 

 A quanto ci risulta non esistono delle tabelle apposite per il risarcimento da morso di un cane. In genere molti tribunali applicano delle tabelle del risarcimento del danno non patrimoniale che oggi vengono presecome riferimento per liquidare economicamente alle vittime. 

L’importanza della valutazione

Poiché si tratta di una lesione corporea, è necessaria una valutazione da parte di esperti per quantificare le lesioni della vittima causate dai morsi. 

Questo onere può essere svolto dalla compagnia assicurativa del proprietario del cane o dal giudice. Nel caso dei morsi di cane, le lesioni estetiche possono essere significative e richiedere interventi di chirurgia ricostruttiva. 

Il caso dei morsi sui bambini

Il risarcimento è ancora più delicato quando la vittima è un bambino. Poiché un bambino è in fase di crescita, il suo danno può quindi essere previsto solo dopo il suo consolidamento e crescita, in particolare per quanto riguarda il danno estetico. 

Tuttavia, i genitori della vittima minorile sono giustificati nel richiedere rapidamente disposizioni alla compagnia assicurativa. Non esitare a contattare un avvocato se ritenete che la compagnia assicurativa, sulla base del fatto che il consolidamento non è stato stabilito, rifiuta il pagamento delle disposizioni alla famiglia della vittima.

Casi di aggressione canina subiti da professionisti (corrieri postali, artigiani, agenti addetti alle consegne…)

I professionisti, nell’esercizio della loro mansione, sono comunemente esposti a morsi di cane. Dal momento che questo assalto ha avuto luogo durante il loro lavoro, sarà un incidente sul lavoro. E l’incidente sarà trattato come tale. 

La vittima sarà quindi risarcita su base forfettaria dopo che il danno è stato valutato durante una valutazione della sicurezza sociale. Ciò non esclude che possa essere assunta la responsabilità civile del proprietario del cane, il che può consentire di aumentare l’importo del risarcimento tenendo conto dei danni non coperti dalla sicurezza sociale.

Cosa succede se la persona ferita ha provocato il cane?

Quando la vittima ha contribuito alle sue ferite, intimidendo, provocando o minacciando il cane, il tribunale può ridurre la quantità di denaro che potresti ricevere. 

Il tribunale determina in che misura sei responsabile per i danni, tenendo conto:

  • le circostanze dell’incidente,
  • dei gesti della vittima prima e durante l’attacco.

Qualsiasi tipo di cane hai in casa consigliamo di stipulare una polizza assicurativa, che ti coprirà sui danni che eventualmente fido potrà combinare.

Denuncia sanitaria morso di cane

La normativa vigente obbliga di comunicare tempestivamente ai Servizi Veterinari pubblici i casi di aggressioni provocate dai cani. La finalità di questo atto dovuto è di consentire i necessari controlli per il monitoraggio del fenomeno dell’aggressività canina.

Dal regolamento della Polizia veterinaria si evince l’obbligo della visita clinica e l’osservazione sanitaria per 10 giorni dei cani che hanno morsicato persone o altri animali.

Cane che guarda una ragazza che corre in un parco

Conseguenze della segnalazione di un cane aggressivo

Una volta eseguita la segnalazione di morsicatura o aggressione, i servizi veterinari sottopongono i cani a un percorso di accertamento con relativa valutazione delle condizioni psicofisiche.

Qualora la valutazione classifichi il cani come “a rischio elevato”, dovranno essere prese misure di prevenzione e i cani stessi dovranno essere oggetto di un eventuale intervento terapeutico e comportamentale.

Inoltre i cani ritenuti aggressivi saranno inseriti in un registro aggiornato, e questo comporta per i proprietari specifici obblighi, quali la stipulazione di una polizza assicurativa e l’uso congiunto di guinzaglio e museruola.

Aggressione di un cane randagio: chi è il responsabile?

Se un cane randagio aggredisce un passante, è il Comune che deve pagare i danni subiti dal malcapitato. Ad affermarlo è una recente sentenza del giudice di pace di Chieti, 2019, che ha condannato l’amministrazione comunale di Bomba a risarcire un uomo oggetto di aggressione. 

Infatti il Comune è tenuto ad assicurare la prevenzione e controllo del randagismo sul proprio territorio. Al fine di escludere ogni responsabilità, l’amministrazione comunale deve dimostrare di aver adottato iniziative e provvedimenti concreti per evitare che i randagi aggrediscano le persone.

Essere un proprietario responsabile per ridurre le aggressioni

La responsabilità dell’addestramento e del controllo di un cane spetta esclusivamente al suo proprietario. 

I cani più pericolosi sono quelli che vengono maltrattati dagli umani, ricevono una cattiva educazione e addestramento, i loro proprietari sono irresponsabili, sono il risultato di miscele di razze senza giudizio, maltrattate o semplicemente abbandonate. 

Per ridurre le possibilità che il tuo cane morda qualcuno, segui le raccomandazioni:

  • Consulta un professionista, come un educatore cinofilo serio, qualificato e professionale, e scopri quale razza di cane è più adatta alla tua famiglia e al tuo stile di vita.
  • Trascorrere del tempo con il cane prima di acquistarlo o adottarlo. Se hanno una storia pregressa di aggressività non dovrebbero essere in contatto con le famiglie con bambini.
  • Preferire animali sterilizzati o castrati; Gli studi dimostrano che coloro che non hanno una probabilità tre volte maggiore di mordere rispetto a quelli che sono stati trattati.
  • Socializza con il tuo cane in modo da sapere come dovrebbe agire in compagnia di altri animali e persone.
  • Impedire ai bambini di disturbare il cane quando mangia o dorme.
  • Condividi giochi non aggressivi con il tuo cane, come lanciare una palla e farlo riportare indietro. Evita di giocare duro o tirare qualcosa che è in bocca, poiché potrebbe incoraggiare reazioni inappropriate nell’animale.
  • Evita di esporre il tuo animale a nuove situazioni in cui non sai come può reagire o non sai quale sarà la risposta dell’animale.
  • Non tentare mai di toccare uno cane sconosciuto, ed evitare il contatto diretto con gli occhi di un animale che sembra pericoloso o pronto ad attaccare.
  • Chiedi aiuto a professionisti esperti di comportamento animale o allevatori affidabili se noti che l’animale sviluppa comportamenti aggressivi, pericolosi o indesiderati.

L’articolo oggetto dell’approfondimento riguarda ——–, tuttavia ricordiamo che è puramente informativo. Vuoi rendere più utile questo post, aggiungendo il tuo contributo? Partecipa attivamente e commenta in libertà sul nostro gruppo Facebook.

Inviaci un feedback anonimo

Cerca ancora

pitbull che guarda

Patentino cani pericolosi: a Milano diventerà obbligatorio

È di questi giorni la notizia che entro fine del mese, il Consiglio comunale di …

facce cani sorpresi

Tassa sui cani: In Spagna un esempio da non seguire

La città di Zamora, in Castilla y Leon al confine col Portogallo, si è conquistato …

Cane triste dal veterinario

Veterinario sbaglia operazione: risarcita la proprietaria.

Confermata la  sentenza di primo grado del 2016, in cui un veterinario dovrà risarcire la …