foto cane inappetente caldo estivo

Le ondate di calore possono causare inappetenza del cane: un classico male di stagione che preoccupa i proprietari consapevoli. Vediamo come gestire il cane quando Il caldo mette a dura prova noi e i nostri amici a quattro zampe.
I sintomi che il troppo caldo provoca nel cane, varia a seconda di molti fattori come età, razza e stile di vita.

Naturalmente come proprietari consapevoli dobbiamo essere informati su come affrontare questo male di stagione e anche come proteggere il cane dal caldo.

Inappetenza del cane durante l’estate

Penso siano ormai chiare a tutti le classiche accortezze che dovremmo avere per tutta l’estate, ma ripeterle non faranno male.

  • Pasti consumati mattina e sera, ossia nelle ore più fresche;
  • Limitare l’esercizio fisico nei giorni più caldi;
  • Non lasciare MAI il cane in auto, neanche con i finestrini aperti;
  • Prendersi cura delle zampe che, a contatto dell’asfalto rovente, possono procurarsi lesioni;
  • Ciotola con acqua fresca, non fredda, e pulita sempre a disposizione. Come per noi umani, anche per i nostri cani l’acqua è fondamentale quando fa molto caldo.

Per questa ragione il cane nelle giornate calde deve sempre avere a disposizione acqua fresca e pulita.

Inappetenza del cane durante le ondate di calore

Ci sono alcuni cani che per tipologia, età e stile di vita mostrano con più evidenza l’inappetenza durante le ondate di calore in estate.

Il caldo tende a fiaccare il cane, che essendo meno attivo del solito, potrebbe risentirne il suo appetito.

L’inappetenza del cane provocata dal caldo di solito non deve preoccupare il proprietario. Se questo comportamento dura non più di pochi giorni, in assenta di patologie specifiche, è accertato che le giornate di afa porta questo atteggiamento nel cane.

Naturalmente come tutti i proprietari consapevoli fanno, una visita dal vostro veterinario è fortemente consigliato quando si hanno cuccioli, cani anziani e cani con patologie accertate.

Inappetenza del cane in estate: cosa fare

Abbiamo descritto che un cane, durante il caldo afoso d’estate, meno attivo rallenta il suo metabolismo basale e di conseguenza anche una minima quantità di cibo potrebbe bastare.

Fate attenzione agli alimenti umidi (le scatolette): in ambienti caldi si deteriorano molto velocemente. Questa tipologia di cibo va lasciato a disposizione del cane, solo lo stretto necessario.

L’alternativa sono gli alimenti secchi che si deteriorano meno facilmente con il caldo, con la variante di inumidire leggermente per renderle più desiderabili. Comunque anche in questo caso, per motivi di deterioramento, il cibo deve restare a disposizione del cane solo il tempo necessario a consumarlo.

In estrema sintesi dovremmo scongiurare l’inappetenza del cane invogliando il nostro amico a quattro zampe a mangiare: come? Insaporire il normale cibo con del formaggio oppure della carne macinata fresca, che acquisteremo dal nostro macellaio di fiducia.

Questo articolo è puramente informativo: ti invitiamo a portare il cane dal veterinario, nel caso in cui si presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Ti è stato utile questo articolo? Partecipa attivamente, commenta o condividi, dal sito o dalle nostre pagine social.

Commenti offerti da CComment