perdita del cane

La perdita del cane ci lascia un vuoto devastante: per tanti anni ci hanno dato gioie, dispiaceri e per quanto possa vivere felice arriverà irrimediabilmente il giorno in cui ci lascerà. Ci spezzerà il cuore suo malgrado. Se avete già provato una perdita del cane, sapete molto bene quanto questa verità sia reale.

Ma c’è un’altra verità, confermate da ricerche condotte negli ultimi anni, ossia che per la maggior parte di noi proprietari la perdita del cane è paragonabile alla perdita di un membro della famiglia. Chiaramente per molti altri questo paragone sembrerà sciocco ed esagerato sembra sciocco! I cani sono sono collegarsi agli esseri umani come nessun altro animale perchè comprendono i nostri stati d’animo, il nostro linguaggio, ci rendono più felici, più sani e più sicuri.

La perdita del cane dà un serio scossone alla nostra routine quotidiana, in modo ancor più profondo rispetto alla perdita della maggior parte degli amici e dei parenti”.

MA SAPREMMO AFFRONTARE LA PERDITA DEL CANE?

Senza voler pretendere di dare soluzioni garantite, se qualche psicologo ci contattasse potremmo redigere un focus su questo argomento, potremmo formulare qualche suggerimento per onorare la vita dei nostri cani e affrontare la loro perdita.

  • Quando si avvicina la perdita del cane concentriamoci su qualcosa di molto specifico da ricordare: ad esempio coccolarla/o molto;
  • Qualora le circostanze mediche lo imponessero, sapere cosa decidere in merito all’eutanasia del nostro cane: non ci coglierà impreparati in quei momenti;
  • Accettate la perdita del cane e non negate il dolore che provate per questo;
  • Ricordare i momenti speciali vissuti con il proprio cane prima che muoia; i ricordi sono un modo concreto per onorare il significato della vita del proprio cane;
  • Stiamo vicino ad eventuali altri cani in casa: Soffrono come voi;
  • Il miglior consiglio potremmo mai avere dopo la perdita del cane è di accoglierne subito un altro. Alcuni pensano che sia un suggerimento da persone fredde che significa che possiamo semplicemente scambiare un cane con un altro dimenticandoci del primo. Non è affatto così. Prendere subito un altro cane non diminuisce l’amore con cui si ricorda quello precedente, aggiunge semplicemente più amore e più gioia alla nostra vita.

La dichiarazione di morte di un cane, con regolare microchip, è un obbligo di legge la non osservanza prevede multe comprese tra 78 e 233 euro.

Se il cane muore in casa è fondamentale contattare subito il veterinario che redige e rilascia il certificato di decesso. Tale documento dovrà essere consegnato, entro massimo 15 giorni, al Servizio Veterinario della ASL di competenza, il quale provvederà a cancellare il cane  dall’anagrafe canina.

Se il cane muore nello studio veterinario sarà lui stesso a comunicare il decesso alla ASL, la quale si occuperà di far ritirare il corpo del cane.

Se il decesso non è avvenuto a seguito di una malattia infettiva, e si ha un giardino si potrà optare per la sepoltura in quel luogo. Sono altresì sempre più numerosi i cimiteri per animali, presenti ormai in quasi tutte le regiorni. La tomba sarà allestita con una lapide e una foto.

Va inoltre rammentato che l’abbandono del corpo nei cassonetti è proibita per legge, D.Lgs. n. 36/2005, e la multa perquesto ignobile atto è pari a 28.000 euro.

Ti è stato utile questo articolo? Partecipa attivamente, commenta o condividi, dal sito o dalle nostre pagine social.

Immagine: Pixabay

Commenti offerti da CComment