fbpx
cane felice tra le crocchette con la regola del terzo

Cambio di alimentazione al cane: ecco come funziona

Vuoi cambiare cibo al tuo cane, ma non sai come procedere al meglio? Le ragioni di un cambio di alimentazione possono essere diverse, tuttavia, ci sono alcune cose importanti da considerare.

Fattori come età, stato di salute e le istruzioni veterinarie determinano come cambiare il cibo ai cani più o meno dolcemente.

Imparare come eseguire il cambio di alimentazione al cane, o al cucciolo, è semplice: basta individuare il cibo secco o umido migliore e seguire la regola del terzo.

Vuoi rendere più utile questo post aggiungendo il tuo contributo? Partecipa attivamente e scrivi la tua esperienza in questa pagina, o nella nostra pagina facebook.

Come capire se i croccantini fanno male al cane?

I motivi per un cambio di marca o tipologia (secco, umido o casalingo) possono essere molto svariati. Quasi sempre sono alcuni disturbi che i proprietari notano, che motivano i veterinari a consigliare di cambiare cibo.

Il sovrappeso o sottopeso, allergie e intolleranze, tratto gastrointestinale sensibile, malattie croniche degli organi e fasi di crescita sono i motivi principali per cui si rende necessario il cambio di alimentazione del nostro amico a quattro zampe.

I sintomi caratteristici delle intolleranze, allergie e ipersensibilità nel cane sono:

È importante cambiare gradualmente l’introduzione del nuovo cibo poiché cambiare alimento troppo rapidamente potrebbe causare effetti indesiderati. 

I cani non si adattano agevolmente al cambio della dieta, in quanto la loro flora batterica deve abituarsi al nuovo cibo e non è così variegata come la nostra. Dunque, prima di eseguire qualsivoglia cambio, parlatene con il vostro medico veterinario.

Ogni cane ha una sensibilità individuale e dunque è meglio prendere almeno 5 o 10 giorni per il passaggio.

Nei cani molto sensibili, il cambio di cibo può richiedere fino a 15 giorni. 

Le conseguenze del rapido cambiamento delle crocchette

donna a tavola per il cambio di alimentazione al cane

Potrebbe succedere che al tuo cane sia stata diagnosticata una condizione, che richiede un cambio immediato di cibo. Ad esempio, i cani con malattie renali hanno bisogno di una dieta sistemata velocemente.

Alcuni cani hanno pochi o nessun problema ad un rapido cambio di cibo, specialmente se le tipologie utilizzate sono simili. Altri soggetti invece potrebbero avere del malessere, dolore addominale, flatulenza, vomito o diarrea come conseguenza del cambio troppo repentino.

Gli amici a quattro zampe con un tratto digerente sensibile: cuccioli e anziani sono più inclini a difficoltà digestive, motivo per cui si dovrà procedere con cautela.

I proprietari dovrebbero prendere in considerazione un rapido cambiamento di alimentazione del cane, solo se il loro medico veterinario lo ha fortemente consigliato.

Cambio di alimentazione del cane

Una volta determinate le nuove crocchette, il passaggio dovrà avvenire in modo graduale per evitare gli effetti indesiderati.
Un cambio di alimentazione graduale si intende che il passaggio da un tipo di crocchetta ad un’altra, dovrà avvenire mescolando alle vecchie crocchette le nuove, con un lasso temporale di circa 10 giorni.

Il cambio di alimentazione in funzione dell’età

A circa un mese e mezzo, il cucciolo viene svezzato e passa dal latte materno al cibo solido: questa tipologia di crocchette, oltre a dover che di qualità, deve essere specifica per la sua età: ossia Puppy e Junior.

Quando il cane oltrepassa i sei mesi, su consiglio del veterinario, si passerà ad un tipo di crocchetta più energetico di quello ricevuto da cucciolo, ossia Adult.

Infine, dopo aver raggiunto i sette/otto anni il cane dovrà assumere del cibo indicato per l’età adulta, i Senior, formulate per prevenire problemi come artrosi, gengivite e altre patologie senili.

Il passaggio da cibo umido a cibo secco

Diventa un po’ più complicato quando si passa dal cibo umido a quello secco o viceversa, poiché questo tipo di cambiamento alimentare spesso causa problemi digestivi.

Poiché nel cambio tra cibo umido e secco cambia principalmente il contenuto di umidità, questo influenza anche l’assunzione di acqua del cane. Per un cane abituato al cibo umido, l’acqua contenuta nel cibo umido viene utilizzata per scopi di digestione.

Quando si mangia cibo secco, questo rifornimento idrico è assente e il cane ha bisogno di bere acqua extra per rimanere idratato.

Dunque, il tuo amico a quattro zampe deve abituarsi sia all’assunzione di acqua che al nuovo cibo, motivo per cui dovresti dargli più tempo.

Come cambiare la dieta del cane: la REGOLA DEL TERZO

  • Primi tre giorni 2/3 del vecchio cibo 1/3 del nuovo;
  • Dal 4 al 6 giorno metà del vecchio cibo metà del nuovo;
  • Dal 7 al 10 giorno 1/3 del vecchio cibo 2/3 del nuovo.

Una raccomandazione importante: leggere attentamente le tabelle nutrizionali, e relativi dosaggi, prima di fare qualsiasi cambio. Infatti, alcuni produttori mettono in evidenza le dosi in funzione al peso effettivo, altri evidenziano il peso indicativo che avrà il cane da adulto.

Calcoliamo la regola del terzo con excel

  GRAMMI CIBO VECCHIO GRAMMI CIBO NUOVO  
  240 260  
2/3 =(2/3)*240 =(1/3)*260 1/3
  160 87  
1/2 =(1/2)*240 =(1/2)*260 1/2
  120 130  
1/3 =(1/3)*240 =(2/3)*260 2/3
  80 173  

Altri consigli extra

Tieni a mente i seguenti suggerimenti quando cambi il cibo del tuo cane:

  • Se hai un cane di taglia grande parla con il veterinario prima di cambiare dieta, in quanto potrebbe consigliarti di mantenere il cibo per cuccioli ancora qualche mese.
  • I cani di razza più grande dovrebbero passare ad un cibo per cani senior intorno ai 6 anni, poiché le loro ossa e muscoli invecchiano più velocemente rispetto alle razze più piccole.
  • I cani in gravidanza, o in allattamento, hanno bisogno di cibi con alta intensità energetica e maggiore contenuto di calcio. Parlane con il tuo veterinario.
  • Se il veterinario ha raccomandato alimenti speciali, assicurati di discutere in dettaglio la migrazione al nuovo cibo.

In conclusione, nel presente articolo abbiamo approfondito l’argomento riguardante come cambiare il cibo al cane con la regola del terzo. Tuttavia, ti invitiamo a consultare un medico veterinario per qualsiasi tipo di consiglio specifico.

Questo articolo è stato utile?

La tua opinione è fondamentale per fare sempre meglio. Vota o lascia un commento.

Voto Medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

A proposito di Nico

Informatico innamorato degli animali, della comunicazione e della musica. Proprietario di due Border Collie, sono un appassionato del mondo pet e sono sempre pronto ad approfondire e condividere contenuti, consigli e curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina