cane con educatore cinofilo

Come scegliere un educatore cinofilo

Un educatore per cani è un buon alleato nell’educazione e nella cura del nostro compagno a quattro zampe. Dunque approfondiamo come scegliere un educatore cinofilo giusto per te e il tuo cane.

Educatore cinofilo: una figura chiave

Quando un cane arriva a casa nostra, ciò di cui avrà più bisogno da noi, oltre ovviamente a cibo, alloggio e cure, è il tempo da dedicargli. Il tempo di andare a fare i bisogni, di fare esercizio fisico, fare una passeggiata, di coccolarlo e naturalmente il tempo di educarlo.

Purtroppo a volte per la maggior parte dei proprietari mancano gli strumenti e le competenze per svolgere al meglio quest’ultimo compito, quello di educare correttamente fido.

Sicuramente è dovuto alla mancanza di tempo o, semplicemente, alla pura ignoranza sull’importanza della corretta educazione del cane. Ma la verità è che in molti proprietari è radicata l’idea che la ricerca di un educatore cinofilo è necessaria solo quando appare un problema.

Un educatore professionista, con esperienza e amore per i cani, è colui che aiuta il proprietario a comprendere il suo cane, e gli fornisce le linee guida di cui avrà bisogno in futuro.

Pochissime persone iniziano a preoccuparsi dell’educazione quando il loro cane è ancora un cucciolo, è un po come avere un figlio e non portarlo a scuola… è come aspettare che il bambino abbia 15 anni, manifesti un problema e poi cercare le soluzioni in una settimana.

Non solo… un trainer cinofilo può aiutarci anche prima che il cane sia accolto a casa: può consigliarci sul carattere dell’animale, su quale cura avrà bisogno o anche su dove possiamo adottarlo con fiducia.

Come ogni professionista che si rispetti, noi proprietari consapevoli dobbiamo trovare l’educatore o il coach giusto. Raccogliamo alcuni consigli che possono essere utili se vogliamo trovare un buon addestratore di cani.

L’importanza dell’educazione cinofila

Cosa dovremmo considerare quando si sceglie un educatore cinofilo?

Il prezzo è di solito il primo punto a cui pensiamo quando ci balena l’idea di un corso di educazione del cane. Rifletti… che rispetto ai problemi che possono essere prevenuti, saranno soldi ben spesi.

È necessario frequentare, certo, ma partiamo dalla premessa che i miracoli non esistono: andare da un addestratore di cani prima che appaia una difficoltà non ci preserva al 100% che durante la lunga vita del nostro amico a quattro zampe non accadrà mai niente.

Il metodo utilizzato dall’educatore cinofilo, la connessione che abbiamo con lui e la sua esperienza sono altri aspetti che dovrebbero essere considerati.

Quale metodo educativo usa?

È essenziale informarsi prima sul metodo utilizzato dal trainer, poiché non tutti usano tecniche a misura di animale. In questo senso, l’educazione del cane con rinforzo positivo può essere una buona opzione.

Le lezioni non devono essere sessioni di sofferenza per il tuo cane, anche se proposte dall’educatore. Se noti che ciò accade, annulla le lezioni e consulta altri professionisti.

Un educatore esperto è colui che, invece di rendere responsabile il cane, quando gli obiettivi non vengono raggiunti, è in grado di ripensare una metodologia alternativa a quella iniziale.

Grazie al cielo sono sorpassate le tecniche aggressive e gli stimoli invasivi nell’insegnamento. Sia gli esperti che gli amanti degli animali oggi optano per un’educazione volta a rafforzare i buoni comportamenti e ignorare alcuni comportamenti inappropriati.

Fortunatamente l’aumento della cultura cinofila in Italia ha permesso che punizioni fisiche, strappi e collari a strozzo hanno lasciato il posto a premi per ricompensa, giochi, carezze e parole di incoraggiamento.

Quale esperienza deve avere un l’educatore cinofilo, e come trovarlo

Essere un educatore cinofilo significa, come in qualsiasi altra professione, essere formato. Tra i corsi  più accreditati in Italia ci sono quelli offerti dall’APNEC (Associazione Professionale Nazionale per Educatori Cinofili) e dall’ENCI (Ente Nazionale Cinofilia Italiana).

Ma non è solo la formazione ad essere rilevante, anche l’esperienza conta molto, e l’unione delle due cose è quello che rende realmente competente un educatore cinofilo. 

Il passaparola di solito funziona molto bene quando si tratta di trovare un buon educatore di cani, tuttavia è possibile che nel nostro ambiente non conosciamo nessuno che si sia rivolto a questo genere di professionista.

In questo caso andare in un parco per cani e incontrare altri proprietari può essere un modo per trovare qualcuno che ci parli di un educatore esperto nella tua zona.

Anche Internet e i social network sono una risorsa vantaggiosa in questo senso, poiché consentono di trovare altre persone con esigenze o interessi simili.

Cani seduti in una sessione di educazione cinofila
Sessione di educazione cinofila

Cosa ci offre un buon educatore cinofilo?

Questa è la domanda decisiva: se ci offre risultati rapidi e definitivi, potrebbe essere un campanello di allarme. Un animale non è un robot e quindi non è possibile sapere il tempo che ci vorrà, come reagirà o cosa potrebbe accadere in futuro.

Quando visiti il centro cinofilo, dove si svolgeranno le lezioni, ti consiglio di osservare molto bene lo stato delle strutture, la sicurezza delle aree e la sua igiene.

Dal momento che vivrai con il tuo cane e non con l’educatore, è chiaro che durante l’addestramento devi essere presente. Pertanto, diffidare di coloro che propongono di lasciare il cane in un centro per addestrarlo .

Considera che, oltre al cane, anche tu come proprietario devi assimilare determinati comportamenti. Se lasci il tuo peloso in un centro potrebbe anche imparare qualcosa, ma quando torni a casa, senza l’educatore, i problemi sorgeranno di nuovo.

Come scegliere un educatore cinofilo: feeling personale

Oltre a considerare quanto sopra esposto, un’altro fattore da tenere in debita considerazione è la connessione che abbiamo con la persona che sarà incaricata di aiutarci a educare il nostro compagno canino.

Se tale connessione non si verifica, è probabile che sorgano conflitti o che semplicemente non è la persona più adatta ad accompagnarci in questo percorso. È essenziale sentirsi a proprio agio e avere fiducia reciproca.

Quali competenze dovrà lasciare un educatore cinofilo?

L’educazione del cane non si limita ai giorni o alle ore che trascorriamo con lui nel centro cinofilo. A casa si dovrà continuare il nostro lavoro educando il nostro migliore amico a quattro zampe.

Idealmente l’addestratore cinofilo dovrebbe fornirci le competenze, in modo che possiamo gestire da soli le problematiche presenti e future.

L’articolo oggetto dell’approfondimento riguarda come valutare e scegliere un educatore cinofilo, tuttavia ricordiamo che è puramente informativo. Vuoi rendere più utile questo post aggiungendo il tuo contributo? Partecipa attivamente e commenta in libertà sul nostro gruppo Facebook.

Inviaci un feedback anonimo

Cerca ancora

Cani che socializzano e giocano

Problemi comportamentali nei cani: cause e soluzioni

Riconoscere i comuni problemi comportamentali del cane è decisivo per la vita in comune con …

Cane che ringhia in modo aggressivo

Il cane ringhia: le cause e come comportarsi

Il cane che ringhia, come d’altronde l’abbaiare, esprime una forma di comunicazione, ed è un …

Cane si allontana durante la passeggiata e non torna al richiamo

Durante la passeggiata senza guinzaglio, potrebbe capitare che il cane non torna al richiamo, specie …