Cane ripreso in attenzione

CONVIENE O NO ASSICURARE IL CANE: COME FUNZIONA

Conviene o no assicurare il cane, forse ti sarai fatto questa domanda mille volte: tu faresti di tutto per il tuo amico a quattro zampe e, sicuramente per tutelare lui e terze persone, bisogna stipulare un’assicurazione per animali domestici.


CONVIENE O NO ASSICURARE IL CANE

Ma è obbligatorio assicurare il cane? Per rispondere a questa domanda ci vengono incontro sia l’articolo 2052 del Codice Civile, sia l’ordinanza ministeriale del 3 marzo 2009.
Secondo quest’ultima ordinanza è il proprietario del cane responsabile del benessere, controllo e conduzione dell’animale e ne risponde, civilmente e penalmente dei danni o lesioni a persone, animali e cose provocati dall’animale stesso.
Giacché proprio l’ordinanza del 2009 ha abrogato quella del 2003, dove venivano elencate le 17 razze pericolose, oggi perdura l’obbligo di assicurazione solo per quei cani che abbiano mostrato precedenti episodi pericolosi, a prescindere dalla razza di appartenenza.

CONVIENE O NO ASSICURARE IL CANE

Quindi nello specifico, se conviene o no assicurare il cane, è obbligo dell’AUSL tenere un registro aggiornato dei cani protagonisti di episodi di morsicatura, o aggressione, anche in base alle lesioni causate a persone, animali o cose. Per i proprietari di cani, segnalati all’interno di questo fascicolo, è un obbligo stipulare una polizza di assicurazione di responsabilità civile per danni contro terzi causati dal proprio cane.

Comunque da proprietario consapevole, alla domanda se conviene o no assicurare il cane, al di là di episodi di aggressività, consiglio di assicurare il proprio cane anche se non è obbligatorio: non fosse altro per coprire eventuali danni involontari, causati dai nostri amici a quattro zampe. Assolutamente da valutare se portate con voi il cane in vacanza.

Le formule assicurative variano a seconda della compagnia e delle garanzie incluse: le più comuni sono:

Tutela sanitaria per animali: prevedono il rimborso, parziale o totale, delle spese veterinarie dovute a malattie, cure ambulatoriali, interventi chirurgici, riabilitazioni o incidenti stradali;

Tutela per danni causati a terzi: per coprire tutti i danni arrecati dai nostri animali domestici a cose e persone;

Consulenza e Tutela legale: per un supporto legale durante le controversie e in caso di denunce per danni provocati dall’animale.

Per i costi un premio medio annuo varia dai 100 ai 200 euro.

Le principali compagnie assicurative, sono:

AXA; DOTTORDOG; GENIALLOYD; ALLIANZ; POSTE ITALIANE; UNIPOLSAI; EUROPEAN BROKERS

Questo articolo è puramente informativo: ti invitiamo a rivolgerti ad un professionista per eventuali approfondimenti.

Ti è stato utile questo articolo? Partecipa attivamente, commenta o condividi, dal sito o dalle nostre pagine social.

Foto di Varun Kulkarni da Pixabay

Inviaci un feedback anonimo

Cerca ancora

Allevamento per cani

Come creare un allevamento di cani

Vuoi aprire un allevamento di cani? ami questi straordinari amici dell’uomo e vuoi raggiungere il successo …

pitbull che guarda

Patentino cani pericolosi: a Milano diventerà obbligatorio

È di questi giorni la notizia che entro fine del mese, il Consiglio comunale di …

facce cani sorpresi

Tassa sui cani: In Spagna un esempio da non seguire

La città di Zamora, in Castilla y Leon al confine col Portogallo, si è conquistato …

Lascia un commento