fbpx
Cane anziano che riposa

Cane anziano: riconoscere i segni della vecchiaia

A noi proprietari non piace sentirlo, ma sfortunatamente anche i nostri cani invecchiano. A un certo punto osserviamo che invece di scatenarsi, come al solito, il tuo amico a quattro zampe preferisce sdraiarsi nella cuccia.

Come si comporta un cane anziano? Come gestirlo al meglio? Approfondiamo insieme i più frequenti segnali di invecchiamento dei cani.

Vuoi rendere più utile questo post aggiungendo il tuo contributo? Partecipa attivamente e scrivi la tua esperienza in questa pagina, o nella nostra pagina facebook.

Quando considerare un cane vecchio

Primo piano del cane anziano

I segnali meno visibili si verificano nei cani di piccola taglia, ma se sei una persona attenta, li noterai. I segni più evidenti, viceversa, si riscontrano nei cani più grandi.

A seconda della razza e del peso, la  fascia di età da 7 a 10 anni è considerata il passaggio alla vecchiaia.

La verità, tuttavia, è un po’ più complessa: le razze di cani invecchiano a ritmi diversi, il che è anche associato all’aspettativa di vita. D’altra parte, i cani di taglia grande, soprattutto quelli il cui peso è maggiore di 50 kg, rischiano di vivere in media solo circa nove anni.

Il processo di vecchiaia del cane è influenzato anche da altri fattori come la qualità di vita, le malattie e le condizioni di salute generali, spesso ereditate.

Anzianità del cane: la confusione

Uno dei segni più evidenti della vecchiaia dei cani potrebbe essere la perdita di consapevolezza ambientale. I cani con demenza senile spesso presentano comportamenti tipici come rimanere fermi tra i mobili, avere difficoltà a spostare oggetti sul pavimento o cercare ripetutamente di uscire da una porta.

Il cane anziano può anche fissare il muro, il pavimento o semplicemente perdersi nella propria casa o in giardino. A volte non riconoscono gli umani o cani che ben conoscono.

Problemi di interazione del cane anziano

Le incertezze nel riconoscere le persone o suoi simili possono anche far si che il cane anziano diventi aggressivo, anche se in passato è stato sempre amichevole con tutti. Inoltre, la sua volontà di stabilire un contatto con altri cani o persone può ridursi drasticamente.

Sotto l’influenza della vecchiaia, i cani possono passare da piacevoli abbracci a scatti poco sensibili.

Cambiamenti nel ciclo circadiano

Un altro segno caratteristico di invecchiamento del cane è un disturbo del ciclo circadiano, che sarebbe il periodo di circa 24 ore su cui si basa il ciclo biologico di quasi tutti gli esseri viventi. Il cane anziano non dorme e possono diventare molto agitati di notte o camminare continuamente senza meta in una stanza.

Problemi di apprendimento nel cane anziano

Alcuni cani avanti con l’età, non solo mostrano poca voglia di imparare cose nuove, ma possono anche dimenticare i comandi che hanno eseguito senza problemi in passato.

Un altro segnale dell’età senile di fido è quando il cane anziano diventa incontinente e ricomincia a fare i propri bisogni nel posto sbagliato.

Cambio di abitudini del cane anziano

Il cane anziano tende ad essere meno interessato ad esplorare l’ambiente circostante, i giochi, i membri della famiglia e altri cani. Può, tuttavia, esibire comportamenti più ripetitivi, come leccare la zampa, vagare senza senso per la casa e mordere il pelo.

Ansia nell’età senile

Il cane anziano può inaspettatamente iniziare a mostrare segni di ansia da separazione, anche se non ha mai avuto questo problema prima. Può anche diventare all’improvviso più sensibile ai suoni o agli oggetti in movimento. Succede anche che inizi a temere luoghi sconosciuti.

Lo sviluppo mentale e fisico del cane anziano

Cane anziano sdraiato sulla cuccia

Per conoscere l’età effettiva del tuo cane, puoi approfondirla in questa pagina. Potresti aver già osservato che il tuo cane sta diventando più lento, ma può ancora godere di lunghe passeggiate, anche se non sarà energico come prima.

Potresti aver notato che dorme più a lungo o impiega più tempo a svegliarsi o a rispondere ai comandi. Visite regolari dal veterinario possono aiutarti a capire se questi sono normali segni di invecchiamento o sono alcuni sintomi di malattia.

Ricorda che anche se il tuo cane non è più giovane, ha bisogno di una certa attività per rimanere in forma fisica e mentale.

Cane anziano e dolori sono un binomio quasi imprescindibile: in questa fase della vita del cane è importante osservare le trasformazioni comportamentali, poiché alcune sono normali con l’età altre possono indicare problemi di salute. Ad esempio, un cane a cui non piace più saltare o salire le scale può essere affetto da rigidità o dolori articolari.

Presta attenzione al comportamento del cane con i bambini: a questa età potrebbe diventare meno tollerante nei loro confronti, reagendo negativamente alle loro grida o movimenti improvvisi.

Se hai altri cani a casa attenzione alle eventuali posizioni dominanti; con l’avanzare dell’età la posizione nella gerarchia può cambiare, con conseguente conflitto. Questo cambiamento può divenire evidente quando i cani competono per l’attenzione del proprietario o quando giocano con dei giochi comuni.

La corretta alimentazione del cane anziano

Una delle cose che deve essere cambiata, per il benessere del cane, è la dieta. I cani anziani non hanno bisogno di tante proteine come quando erano adulti e anche il fabbisogno di carboidrati è ridotto. Il loro eccesso può essere particolarmente dannoso per un cane anziano.

L’effetto più evidente dell’eccesso di nutrienti nella dieta del cane è l’aumento del peso corporeo, con conseguente difficoltà nei movimenti e sovraccarico delle articolazioni, già sollecitate dai naturali processi di invecchiamento del corpo.

Il medico veterinario ti consiglierà l’alimento più adatto al tuo cane e il cambio della dieta, in genere si effettua con il con la regola del terzo con alimenti denominati senior. Questo tipo di alimentazione è più adatto alle necessita del cane anziano in quanto hanno il corretto mix di proteine, grassi, carboidrati, fibre e vitamine/minerali.

Sappiamo bene che l’appetito dei cani è stimolato dagli odori e purtroppo, man mano che il cane invecchia i recettori olfattivi diventano meno sensibili.

Dunque, il cibo potrebbe non essere più attraente come una volta, e il cane anziano non mangia. Un buon modo per invogliare l’appetito è quello di riscaldare leggermente il cibo.

Come prendersi cura di un cane anziano

Oltre ai cambiamenti nella nutrizione si dovrà provvedere anche alle esigenze del cane anziano in un modo differente.

Gestire il cane anziano

Il movimento del cane è importante e farlo correre, passeggiare, esplorare luoghi nuovi e stare in compagnia farà in modo che il cane resti in forma, e avrà chiaramente migliori possibilità di salute in età avanzata rispetto a un cane con una vita sedentaria e in sovrappeso.

Quando notiamo i segni di invecchiamento nel cane, sicuramente sarà una buona idea accorciare le passeggiate in modo da non stancare l’animale, tuttavia, possiamo aumentare la frequenza delle stesse. L’attività fisica adeguata all’età del cane ti aiuterà a mantenere sotto controllo il peso, alleggerendo così le articolazioni e facilitando il movimento.

Anche i giochi educativi sono importanti: esercitare la mente con abilità celebrali, riduce il rischio di malattie. Quindi, se vogliamo che il nostro cane sia fisicamente e mentalmente sano per il resto della sua vita, iniziamo gli esercizi mentali il prima possibile.

I giochi di naso sono molto importanti per i cani anziani, soprattutto se hanno problemi di vista. Questo tipo di intrattenimento non richiede molta energia o movimento e sicuramente aiuteranno il tuo cane a sentirsi bene.

Alcuni dei segni di invecchiamento del cane possono essere molto preoccupanti; per questo Il cane anziano dovrà sottoporsi a regolari controlli preventivi presso il medico veterinario di fiducia, che determinerà le sue condizioni e raccomanderà analisi specifiche, integrazione o farmaci appropriati.

SINTOMI DI MORTE

Un cane anziano sente la morte che si avvicina e mette in atto una serie di comportamenti atti ad affrontare l’ultimo momento.

Potrebbe interessarti: COMPORTAMENTO DEL CANE PRIMA DI MORIRE

In conclusione, nel presente articolo abbiamo approfondito l’argomento riguardante come riconoscere e gestire il cane anziano. Tuttavia, ricordiamo che lo stesso è puramente informativo e non sostituisce il parere medico veterinario.

Questo articolo è stato utile?

La tua opinione è fondamentale per fare sempre meglio. Vota o lascia un commento.

Voto Medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

A proposito di Nico

Informatico innamorato degli animali, della comunicazione e della musica. Proprietario di due Border Collie, sono un appassionato del mondo pet e sono sempre pronto ad approfondire e condividere contenuti, consigli e curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina