donna e cane sul lago

Le 10 informazioni più importanti da conoscere sul cane

Abbiamo tutti vissuto con dei cani e abbiamo scoperto che per ogni singolo giorno vissuto cono loro c’è la possibilità di imparare qualcosa su di loro. Tu come proprietario ti informi, lo educhi ma si corre sempre il rischio di interpretarli e giudicarli male.

Ma quali esperienze sono le più importanti da condividere?

1) Ogni cane è diverso

I cani sono soggetti unici, come del resto le persone, come prospettiva mentale e comportamento. Questo concetto potrebbe essere la fonte di molte delusioni dei proprietari quando accolgono in casa, specie quando fido è deceduto, e il nuovo cucciolo e non è perfetto come il precedente.

In realtà ciò che rende speciale un cane è il tempo che trascorriamo insieme, la comprensione e l’accettazione dei reciproci limiti, differenze ed esigenze.

Dobbiamo dare la possibilità al cane di essere la migliore versione che possono essere senza il confronto con chi abbiamo avuto in passato.

2) Accoglierei razze senza eseguire una ricerca delle caratteristiche

I rescue e i canili sono pieni di cani che le persone hanno scelto, basandosi sul loro aspetto, per poi trovare troppo impegnativo e difficile convivere la quotidianità,

Risulta quindi di fondamentale importanza eseguire o farsi consigliare sul carattere, la natura della razza stessa prima di adottare o acquistare un cane, sopratutto i tratti come la paura, l’aggressività e la socialità da adulto.

Se pensi che qualsiasi razza sia per te difficile… meglio non possederlo.

3) Non è possibile scegliere un cane per il proprio stile di vita

L’affermazione di scegliere il cane in base al proprio stile di vita può essere interpretato male: come se un cane non avesse una propria identità e come un divano potrebbe adattarsi meglio o peggio nella tua casa.

Nella maggior parte delle persone lo stile di vita si modifica con l’arrivo di un cane (uscire per le passeggiate, educazione cinofila, vacanze…)

4) Spesso i comportamenti sono più genetici che appresi

Sebbene si stima che il 50% del comportamento di qualsiasi cane è genetico, il resto dipende dalla consapevolezza dell’addestramento e nella socializzazione fin da cuccioli.

Senza un buon addestramento, anche con l’aiuto di un educatore cinofilo, il cane non farà altro che ricorrere a reazioni e comportamenti istintivi che hai nostri occhi sono cattivi comportamenti.

5) Gridare a un cane non è addestramento: è solo gridare

Per molti proprietari urlare è più facile che educare. Osservando queste reazioni non mi spiego come i nostri amici a quattro zampe possano sopportare questi fastidiosi strilli, che comportano una serie di ricadute psicologiche e di comportamento.

uomo che urla al cane con il megafono

6) I cani non provano sensi di colpa, ma noi immaginiamo che lo facciano

I proprietari amano proiettare le emozioni umane sui cani, anche solo per giustificare una punizione. Quando un cane ha fatto qualcosa che il suo proprietario ritiene sbagliato, si precipitano su di lui per rimproverarlo molto dopo che si è verificato l’evento.

Se il cane si sottomette è solo paura a quella reazione spropositata del proprietario e certamente fido non capirà il perché di quel comportamento.

7) Molti cani non vogliono essere socievoli con altri cani che non conoscono

Io non comprendo perché molti proprietari si aspettano a tutti i costi che i loro cani abbiano una vita di successo con altri cani. Alcuni cani per diversità soggettive, genetiche e ambientali non amano questo tipo di interazioni con cani sconosciuti.

Certo queste tipologie di cani possono essere addestrate per migliorare le proprie abilità sociali, tuttavia non dobbiamo forzare troppo la loro natura soggettiva.

8) I cani aggressivi sono cattivi

La gente comune pensa in genere: se il cane è cattivo i responsabili sono proprietari non all’altezza di educarlo nel modo corretto. Alcuni cani possono comportarsi male anche con dei proprietari esemplari, per ragioni psicologhe e genetiche.

Tuttavia l’aggressività nei cani è una esteriorizzazione di un tumulto interno che in genere deriva da paura, ansia e persino panico.

Per i proprietari di tali cani l’obiettivo è cercare di individuare il problema per cercarla di risolverla.

9) Non tutti i cani problematici possono essere recuperati

Sebbene il comportamento nella maggior parte dei cani cambia in modo significativo con un giusto addestramento, per una ristrettissima parte di loro questo non sarà possibile.

A volte viene data l’impressione, specie da pseudo professionisti cinofili, che una o più tecniche risolverà il problema senza che realmente si abbiano dei risultati soddisfacenti a medio-lungo termine.

I proprietari meritano onestà, che va al di là del guadagno finanziario di chi propone false speranze, nel comprendere i pericoli su base giornaliera che comporta avere un cane problematico.

10) I cani ti rubano il cuore

Non è comprensibile come i cani riescano a superare ogni singola difesa emotiva che possediamo noi esseri umani.

Tu pensi che non amerai mai il cane che hai ora come quello che ti ha lasciato per sempre, eppure il tempo di pochi mesi e ti è entrano già nel cuore.

L’articolo oggetto dell’approfondimento riguarda le cose da sapere sui cani, tuttavia ricordiamo che lo stesso è puramente informativo. Vuoi rendere più utile questo post aggiungendo il tuo contributo? Partecipa attivamente e commenta in libertà sul nostro gruppo Facebook.

Inviaci un feedback anonimo

Cerca ancora

Cuccioli che mangiano in una ciotola

Se il cane ringhia mentre mangia, abbiamo un problema da risolvere

È la routine di ogni giorno: la pappa è pronta e il nostro cane attende …

border collie in casa

Il Border Collie in appartamento è possibile ma…

E’ una buona idea tenere un border collie in appartamento? Il cane border collie è una delle migliori scelte …

Cane urina in casa

Il tuo cane urina in casa? Ecco come risolvere Quando il cane urina in casa …

Lascia un commento