fbpx
giovedì , 28 Ottobre 2021
animali domenstici sotto arcobaleno

La leggenda del ponte arcobaleno

Ogni proprietario che ha vissuto per anni con un cane, conosce bene il dolore lacerante che l’evento della sua morte lascia quando il nostro amico a quattro zampe ci abbandona. Leggete questa antica leggenda, tramandata dalle tribù degli Indiani d’America, che parla del Ponte Arcobaleno.

Una perdita che lascia un vuoto

Ti sentirai un senso di agitazione già dal comportamento del cane prima di morire. In quel momento senti il senso di impotenza, quella rabbia che cresce dentro di te, quel desiderio di distruggere tutto perché ora niente ha più valore. 

Dopo che ti avrà lasciato lo cercherai a lungo con gli occhi quando torni a casa, anche se sai che non può più apparire all’improvviso. 

Continuerai a prestare attenzione a dove conservi bicchieri, cibo o vestiti, anche se nessuno sarà in grado di lasciarli cadere, rubarli o giocare con loro.  Puoi evitare di pulire anche quel maglione così pieno di peli, in modo da non perdere quest’ultimo contatto.

E quell’esaurimento, quell’apatia, che ti cattura poco dopo, quando capisci che sei condannato a rimanere e non riesci più a vedere il tuo caro animale, che nel corso degli anni è riuscito a diventare un membro adottivo della tua famiglia.

L’anima dei nostri cani e la leggenda del ponte arcobaleno

Se anche i nostri amati cani, ma anche qualsiasi altro animale, hanno un’anima la nostra speranza è che anche per loro ci possa essere una vita dopo la morte.

I nativi americani, in particolare, tramandano un’antica leggenda, quella del Ponte Arcobaleno.

Secondo questo mito, quando un cane muore, la sua anima segue un percorso luminoso, precisamente un ponte a forma di arcobaleno, arrivando finalmente in una specie di paradiso animale.

Ci saranno prati e colline per tutti i nostri amici a quattro zampe, in modo che possano correre e giocare insieme e in armonia. C’è abbondanza di cibo, acqua e sole, e i nostri amici sono caldi e comodi.

Tutti sono felici e contenti tranne per una piccola questione: a ciascuno manca qualcuno di molto speciale che ha dovuto, suo malgrado, lasciare sulla terra.

Il nostro incontro dopo la nostra morte e la gioia di rivederli

Ma all’improvviso, durante il loro giocare felice, di tanto in tanto uno di loro si fermerà, annuserà l’aria e scruterà l’orizzonte per poi iniziare a correre. 

Alla fine ti avrà trovato come al solito, perché anche tu sarai morto e potrai riunirti a lui e tornare insieme per non separarvi mai più. Baci felici ti pioveranno sul viso, le tue mani accarezzano di nuovo l’amata testa e guarderai ancora una volta negli occhi fiduciosi il tuo amato cane.

È una speranza bellissima e molto giusta, perché la morte è un atto che è allo stesso tempo naturale ma terribilmente ingiusto e se hai assistito agli ultimi momenti del tuo cane, sai quanto possono essere spaventosi.

Per avere sollievo per questa perdita pensa solo che il nostro amato cane, che ci assecondava in tutto, ha seguito il percorso di luce del ponte arcobaleno e ci sta aspettando.

Sarà in grado di trovarci ancora una volta e noi potremmo ancora abbracciarlo e coccolarlo per sempre.

L’articolo oggetto dell’approfondimento riguarda la leggenda del ponte arcobaleno del cane. Vuoi rendere più utile questo post, aggiungendo il tuo contributo? Partecipa attivamente e commenta in libertà sul nostro gruppo Facebook.

A proposito di Nico

Informatico innamorato degli animali, della comunicazione e della musica. Proprietrario di due Border Collie sono molto curioso del mondo cinofilo e sono sempre pronto ad approfondire e condividere contenuti, consigli e curiosità dal mondo pet.

Potrebbe interessarti

Immagine donna triste e pensierosa

Come affrontare il lutto e la perdita del cane

Sono parte integrante della famiglia, e loro morte crea un vuoto smisurato. Quando muore un …

Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
paolo carletti
paolo carletti
7 mesi fa

ho perso il mio amatissimo EGON tre giorni fa e quello che sto passando in questi giorni e una cosa indescrivibile mi sento solo e un dolore senza fine non faccio altro che piangere la sua scomparsa in casa regna il vuoto più assoluto mi sembra di vederlo da tutte le parti di sentire i suoi passi invece nulla e tutto vuoto ho amato il mio cane più che della mia stessa vita in cambio ho ricevuto molto di più eravamo come una persona solo in perfetta simbiosi ho vissuto gli ultimi suoi giorni come un calvario ho fatto il possibile per lui ma tutto e stato inutile quando mi hanno detto che ormai non c’erano speranze avrei voluto morire con lui almeno adesso eravamo sempre insieme mi resta il conforto di saperlo felice sereno e sano sul ponte dell’arcobaleno un giorno ci rincontreremo caro amico mio ti abbraccio con tutto il cuore ovunque tu sia ti amo EGON

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina

2
0
Mi piacerebbe i tuoi pensieri, per favore commenta.x
()
x