IL CUCCIOLO A CASA

Come prepararsi all’arrivo del nuovo cucciolo a casa? Iniziamo dal viaggio per portare il cucciolo a casa, breve o lungo che sia, è l'occasione perfetta per iniziare ad insegnare al tuo cucciolo ad amare il kennel. Fermati più volte, ricorda che i cuccioli non trattengono i bisogni, e assicurati, se possibile, di procurarti qualcosa che porti il profumo della madre e dei suoi fratellini. Ciò renderà più confortevole il nuovo ambiente.

COME ACCOGLIERE IL CUCCIOLO A CASA

Una volta giunti a casa, cerca di far fare i bisogni all’esterno: non sarà semplice perché non tutti i cuccioli hanno la sicurezza di farli… ma tentare non nuoce!

Nei giorni seguenti siediti sul pavimento con il cucciolo e parla con lui: conoscerà così il suono della tua voce e il tocco della tua mano. Questo è un buon momento per iniziare a insegnargli la manipolazione, naturalmente in modo delicato e graduale.

Abbiamo già accennato dei bisogni: il cucciolo non ha un buon controllo della vescica, o dello sfintere, e qualsiasi eccitazione la fa “scappare”. Porta il tuo cucciolo all’esterno dopo 15 o 20 minuti di gioco, così come dopo ogni pasto. I bisogni dovrebbero essere la prima cosa che fai con lui la mattina e l'ultima cosa che fai con lui la sera.

COSA FARE APPENA PRESO IL CUCCIOLO A CASA

Un’altro importantissimo passo da fare è quello di portare il tuo cucciolo dal veterinario entro 48 ore dal suo ingresso a casa. Assicurarsi che il cucciolo sia in buona salute è una priorità del proprietario consapevole. Generalmente la prima visita veterinaria è per un esame fisico generale, per segnalare eventuali informazioni che abbiamo notato nei giorni precedenti, e infine per pesare il cucciolo e pianificare il ciclo di vaccinazioni.

Nutrire il tuo cucciolo a casa in modo adeguato è fondamentale per aiutarlo a crescere in salute. Inizia con il cibo che l'allevatore ti ha dato, che generalmente sono le crocchette. Se vuoi cambiarlo mescola gradualmente il nuovo cibo, seguendo la regola del terzo,per limitare il mal di pancia e le feci molle. 

  • primi tre giorni  2/3 del vecchio cibo 1/3 del nuovo
    dal 4 al 6 giorno metà del vecchio cibo metà del nuovo
    dal 7 al 9 giorno 1/3 del vecchio cibo 2/3 del nuovo

Attivare una routine nel pasto aiuta a prevenire l'obesità e assicura una gestione iniziale sul cucciolo. Salvo diversa indicazione del medico veterinario, il cucciolo mangia 3 volte al giorno, ed è fondamentale che si inizi a gestire la ciotola. Infatti, quasi tutti i cuccioli, appena vedono la ciotola tendono ad abbaiare e saltare appena l’appoggi sul pavimento. Finché non è in silenzio e calmo, in una parola autocontrollo, con la ciotola sul pavimento non bisogna dargli il suo pasto: ci vuole pazienza, ma durerà un paio di giorni.

Alterna anche a mangiare dalla mano in quanto aiuterà il tuo cucciolo a non pizzicare o mordere quando prende le cose dalle tue mani. Sarà concentrato su di te.

Passati un paio di giorni, probabilmente ti sei fatto un'idea di come gli piace giocare e quali tipi di giochi, di misure adeguate, che lo intrighi di più. I giochi non dovrebbero avere ripieni interni che possano fuoriuscire e inghiottire. Durante il giorno nelle ore di tua assenza, tieni impegnato il cucciolo con dei giochi. Il Kong sarebbe l’ideale, ma anche il cerchio o la palla che distribuisce i premetti: questi giochi impegneranno il tuo cucciolo svariate ore, e lo stancheranno.

Veniamo alla nota dolente: la notte. Quando è ora di spegnere le luci, portalo fuori per l'ultima pipì e poi confina il cucciolo in una stanza con un oggetto che ha l’odore della sua mamma o fratellini: questo per non avere i bisogni per tutta casa! A seconda della sua età, potrebbe lamentarsi o grattarti alla porta: ignoralo e non ti venga in mente di giocare o coccolarlo nel bel mezzo della notte per calmarlo.

Dopo un paio di settimane portalo ad un centro cinofilo: starai pensando che sia inutile, che hai già educato altri cani in passato, ma il periodo critico dura fino all'età compresa tra le 14 e le 16 settimana. Certo, imparerà ancora dopo, ma le cose che insegni durante questo periodo - buone e cattive - rimarranno davvero nella sua memoria, quindi assicurati che siano le cose giuste con la guida di un educatore cinofilo. Durante il suo periodo di apprendimento critico, il tuo cucciolo dovrebbe incontrare almeno 100 persone diverse, non solo le stesse 10 persone più e più volte. Per ottenere i numeri, portalo in giro ovunque perché avere esperienze diverse è importante, e darà al cucciolo competenze da cui attingere per il futuro.

Moderate quantità di stress durante il periodo di socializzazione possono preparare un cucciolo a imprevisti quotidiani: fai familiarizzare gradatamente con i rumori dell’asciugatrice, aspirapolvere, lavatrice e phon. Queste semplici cose possono aiutarlo a diventare imperturbabile agli eventi durante la crescita.

Tempo di educazione cinofila

Dopo due - tre settimane a casa potrai insegnarli, meglio seguendo un percorso di educazione di base con un educatore cinofilo, i primi comandi come vieni, terra e seduto. Dovresti iniziare anche a lavorare con lui su comandi importanti come "lascia" e "resta", che non solo migliorano la sua intesa con te, ma possono aiutare a tenerlo al sicuro.

Ecco sei cose che il tuo cucciolo dovrebbe imparare in questo periodo:

  • • Non deve mordere nessuno - mai;
  • • limitare il saltare sulle persone;
  • • In base all’età i bisogni sempre fuori casa (non dargli alcuna possibilità di abituarsi alle traversine;
  • • abitua il cucciolo a incontrare sempre più gente e suoi simili;
  • • Andare spesso dal veterinario perché non lo veda come un luogo tenebroso.

Questo articolo è puramente informativo: consigliamo, fin da cucciolo, di rivolgersi ad un educatore cinofilo serio e capace, per avviare un percorso di educazione di base.

Ti è stato utile questo articolo? Partecipa attivamente, commenta o condividi, dal sito o dalle nostre pagine social.

Foto di Gerhard Gellinger da Pixabay

Commenta (0 Commenti)
ritrovare un cane smarrito

La gestione per ritrovare un cane smarrito è difficile: è un contesto dove non si ragiona con lucidità, presi dall’ansia della scomparsa del proprio cane, ma altresì è necessario agire con velocità e risolutezza. In questo articolo cercheremo di chiarire, nel modo più semplice possibile, tutte le indicazioni da seguire per ricercare il tuo cane in caso di smarrimento.

Commenta (0 Commenti)