Prurito nel cane

Prurito nel cane: perché si gratta così tanto?

La pelle del cane è l’organo più esteso del corpo: regola la temperatura del tuo animale domestico e fornisce una barriera contro l’ambiente esterno.
È composto da diversi strati con strutture e microrganismi, ed è importante mantenere un equilibrio per ridurre al minimo il rischio di malattie della pelle.

Quale funzione ha la pelle del cane?

La barriera cutanea non solo è essenziale nella protezione del corpo da sostanze irritanti esterne, ma è anche utile per mantenere i nutrienti vitali e umidità all’interno del corpo.  Questo ci fa comprendere quanto sia importante supportare e proteggere la pelle prima, durante e dopo
si verificano problemi.

È una buona idea controllare regolarmente la pelle del tuo cane, se presenta dolore o prurito durante le sessioni di toelettatura.

Perché il mio cane si gratta?

I motivi per cui un cane si gratta spesso, decisamente più del normale, possono essere molti. Per ottenere una diagnosi occorre consultare un medico veterinario, ma ci sono alcuni motivi più comuni per prurito della pelle dei cani.

Ipersensibilità alla pulce e ai suoi morsi

Le pulci sono la causa più comune di prurito nei cani e per questo possono grattarsi molto. Alcuni cani sono allergici alla saliva, che secernono quando mordono e possono avere una forte reazione ad essa. 

Le lesioni si manifestano nei punti critici, in la risposta alle pulci nell’atto di grattarsi, leccare e rosicchiare: le croste o il rossore possono apparire ovunque nel corpo, ma tendenzialmente ci sono dei punti più frequenti.

prurito e grattamento del cane: le parti più esposte

La prima cosa da fare se pensi al tuo cane si sta grattando più del normale è controllare se ha le pulci.  Se porti il ​​tuo cane dal veterinario lui
o lo farà pettinando fido con un pettine per pulci per cercare lo sporco che lasciano le pulci, ossia la cacca sotto forma di sangue digerito.

Questo è anche qualcosa che puoi fare anche tu, con un rapido test a casa.  Posizionando un lenzuolo bianco a terra e pettinare il cane in modo che le pulci salteranno giù o tale atto farà cadere i suoi escrementi.  Questo test è sufficiente per dimostrare che il tuo cane ha le pulci e un trattamento veterinario è vivamente raccomandato.

In alcuni casi, se il cane si lecca da solo molto, non si trovano né pulci né sporcizia delle pulci.
A seconda di come si presenta la lesione sulla pelle, il veterinario può raccomandare trattare le pulci per vedere se la pelle migliora e i graffi si attenuano.

A causa della natura del ciclo di vita delle pulci, quelle viste sul tuo cane sono solo la punta dell’iceberg. Il 95% delle pulci sono a casa tua e per un efficace controllo è necessario trattare la tua casa e tutti gli animali domestici che vivono in la famiglia, con uno spray per antipulci.

ATTENZIONE le pulci sono molto contagiose e possono passare facilmente da un cane ad altri pet.

Il modo più semplice per proteggere il tuo cane dalle pulci è quello di usare un trattamento regolare contro le pulci per tutto l’anno. Un’altro motivo per cui è importante usare regolari trattamenti preventivi è rappresentata dal fatto che le pulci possono trasmettere malattie, come la tenia, al tuo cane.

Altri parassiti che possono causare prurito e inducono il tuo cane a grattare sono gli acari.  come la scabbia e demodex.  Esistono molti metodi preventivi per trattare e prevenire gli acari.  Sarà il tuo veterinario
a consigliarti quale sia il trattamento migliore per il tuo cane.

Le allergie nei cani

Le allergie sono un’altra causa comune di prurito nei cani.  Quando un cane ha allergie, il sistema immunitario è eccessivamente sensibile a certe
sostanze come cibo, polline o casa acari della polvere per esempio e inizia
per identificarli come ostili. 

Sebbene queste sostanze, chiamate allergeni, sono generalmente comuni in
la maggior parte degli ambienti e innocui per la maggior parte degli animali, un cane con allergie avrà una reazione estrema e renderà la pelle molto pruriginosa.

Mentre il cane si lecca e si gratta, in risposta al prurito scatenato dall’allergia, la pelle viene danneggiata.
Un cane può essere allergico a diverse sostanze e gestire la malattia risulta impegnativa, poiché non è sempre possibile evitare tutti gli allergeni. 

È importante rendersi conto che questa è una malattia permanente e non sempre le allergie non possono essere curate ma devono essere gestite a vita con farmaci e terapie topiche.

Dermatite atopica nel cane

L’atopia è un tipo di allergia in cui il cane ha una predisposizione genetica a sviluppare una sensibilità agli allergeni nell’ambiente. I cani con
la dermatite atopica presentano una barriera cutanea difettosa, permettendo un più facile ingresso di allergeni nella pelle rendendo la pelle secca e pruriginosa.

Risulta facile immaginare che questa condizione rende anche la pelle più
incline alle infezioni e i batteri avranno accesso e inizieranno a
moltiplicarsi.  Le infezioni della pelle sono abbastanza comuni nei cani atopici.

Terapie topiche a supporto di quella farmacologica sono molto importanti per gestisce questa malattia. L’atopia è una malattia molto difficile da affrontare diagnosticare in quanto non esiste un test specifico per questo. 

Il tuo veterinario dovrà escludere qualsiasi altra causa del prurito della pelle e questo comporterà vari test e una prove alimentare con una dieta ipoallergenico di sei – otto settimane.  Raggiungere una diagnosi
quindi può richiedere mesi, quindi la pazienza del proprietario è fondamentale per raggiungere il miglior risultato per il tuo animale domestico.

Zone del corpo comunemente colpite per questa malattia include zampe, orecchie, pelle e pancia.

Come gestire il prurito e il grattamento del cane

Parla con il tuo veterinario

Per identificare il motivo per cui è il tuo cane si gratta o perde pelo.  Le allergie lo sono per tutta la vita e ottenere una diagnosi corretta aiuterà a determinare il miglior trattamento per il tuo cane.

Cura della pelle

I cani con allergie hanno un difetto barriera cutanea, quindi è essenziale proteggerlo. Questo può essere fatto usando shampoo o mousse di alta qualità che aiutano a lenire la pelle e ripristinare la barriera cutanea.

Controllo delle pulci

La causa più comune dei cani quando si grattano molto sono le pulci.  Parlane con il tuo veterinario per un trattamento delle pulci raccomandato.
A seconda del prodotto, potrebbe anche proteggi il tuo cane da zecche e acari.

Il cibo e l’alimentazione del cane

Fornisci al tuo cane una dieta equilibrata e di qualità. Questo può essere integrato con acidi grassi essenziali, vitamine e minerali se raccomandato dal veterinario.
Il veterinario altresì può anche prescrivere una dieta ipoallergenica per il tuo cane.

Controlli regolari

Programmare controlli regolari con il tuo veterinario, può aiutare a gestire la condizione ed intervenire rapidamente su eventuali riacutizzazioni.

Monitoraggio e documentazione

Tenere un diario e scattare foto regolarmente delle condizioni del tuo cane.  Questo può aiutare te e il tuo veterinario individuate quando il tuo amico a quattro zampe abbia riacutizzazioni o se il trattamento è efficace. 

Ricorda che non esiste una cura definitiva per le allergie e che dovrà essere gestita per tutta la vita.

L’articolo oggetto dell’approfondimento riguarda prurito e del grattamento eccessivo del cane, tuttavia ricordiamo che lo stesso è puramente informativo. Vuoi rendere più utile questo post aggiungendo il tuo contributo? Partecipa attivamente e commenta in libertà sul nostro gruppo Facebook.

Inviaci un feedback anonimo

Cerca ancora

gengivite cane

Gengivite nel cane: cause, prognosi e prevenzione La gengivite nel cane è un’infiammazione piuttosto comune che …

Cane con spazzolino in bocca

Placca e tartaro nel cane: i nemici da non sottovalutare

La formazione di placca e tartaro sui denti e gengive del cane potrebbe costituire un …

Cane in braccio per le coccole

La tecnica Ttouch per ridurre lo stress sul vostro cane

Nelle parole della creatrice, l’obiettivo della tecnica Ttouch è quello di “stimolare la funzione e la vitalità delle …

Lascia un commento