cane con proprietario in vetta alla montagna

Sono molti coloro i quali amano andare in montagna con il cane nel periodo invernale, e condividere con il proprio amico a quattro zampe le escursioni in montagna è una delle abitudini di molti di noi.

Specie i quelli più attivi, che amano le vacanze con il cane in montagna sia d'estate che d'inverno, bisogna essere sicuri di conoscere alcune regole e condotte che consentono di vivere l'escursione nel migliore dei modi.

Portare il cane in montagna: la salute prima di tutto

Il benessere del nostro amico a quattro zampe deve essere sempre salvaguardato, considerando che non tutti i cani sono predisposti per il freddo.

Per tale ragione occorre fare attenzione ai cani di piccola taglia, o cani non abituati al freddo, per gli sbalzi di temperatura. Fai abituare il tuo cane gradualmente al freddo. Se decidi di portare il tuo amico a quattro zampe in montagna, la prima raccomandazione è di sottoporlo ad una visita dal tuo veterinario di fiducia.

L'escursione in montagna con il cane è veramente suggestiva, tuttavia il percorso dovrà essere scelto in base alle vostre capacità e quelle del vostro cane.

Una buona strategia sarebbe rivolgersi presso gli uffici delle Guide Alpine, del sentiero che volete percorrere, per informarvi di eventuali passaggi, tratti o altre difficoltà che potrebbero spaventare fido e metterlo in grave pericolo.

Si possono portare i cani in montagna?

Specie se il vostro trekking comprende un Parco Nazionale sarebbe consigliato, prima di partire, prendere informazioni sulle regole e divieti. Infatti, in alcune aree protette ci potrebbero essere dei veti per tutelare gli animali selvatici che potrebbero essere innervositi dalla presenza degli animali domestici.

Ricordiamo che i nostri amici a quattro zampe anche se vaccinati, potrebbero essere portatori di malattie per alcune specie protette.

Cane in montagna: pericoli e accortezze

Un cane in montagna è esposto a potenziali pericoli che derivano da piante, insetti e animali che il nostro cane può incontrare sul suo cammino.

Punture di insetti

Pulci, zecche o zanzare e altri parassiti è facile imbattersi durante la passeggiata ad alta quota: questi fastidiosi animaletti sono particolarmente diffusi in estate e primavera, ma è possibile incontrarli anche in inverno. Il trattamento parassitario è la strategia migliore per evitare infestazioni di zecche e pulci, oppure scongiurare la filariosi.

Morsi di vipera

Durante una passeggiata in montagna con il cane il rischio di imbattersi in una vipera è reale: la gravità di un loro morso dipende dallo stato di salute del cane, l’età e la taglia, ma anche dove è stato morso.

In caso dovesse accadere, è assolutamente necessario portare immediatamente il cane dal veterinario, facendo attenzione a non muoverlo troppo.

Anche i topi e i ratti, spesso in montagna, possono trasmettere ai cani, attraverso le urine dei roditori, una malattia molto pericolosa: la leptospirosi.

Il suo iter patologico permette la manifestazione della malattia dopo circa 10 giorni dal contagio con febbre alta e tremori. La prevenzione attraverso le comuni vaccinazioni obbligatorie è sufficiente per scongiurare questo pericolo. 

Corpi estranei

Il cane in montagna ha molte più occasioni per venire a contatto con corpi estranei di varia natura:  gli stessi possono introdursi sotto zampe o cute, ma anche negli occhi o nelle orecchie, oppure essere ingoiati.

Tenete sempre a vista il cane e dopo ogni passeggiata, spazzolando energicamente e con cura.

Colpi di calore

Ok siamo in montagna ma cercate di limitare le escursioni nelle ore meno calde in tal modo potete evitare il pericoloso colpo di calore nel cane.

I sintomi ben precisi: bere molto, la salivazione, respiro affannoso ed è inerte e letargico. Bere di frequente con acqua fresca e pulita, cercando di camminare all’ombra è la prevenzione migliore.

Consigli per portare il cane in montagna

Guinzaglio e pettorina non possono proprio mancare anche in considerazione del fatto, come già detto, che all’interno di Parchi nazionali, è obbligatorio vincolare il proprio cane affinché non arrechi disturbo, o danni, alla fauna.

La museruola va sempre portata con se, ed è obbligatorio indossarla in alcuni contesti come ad esempio gli impianti di risalita.

Portate con voi acqua e croccantini, ma non insistete se fido non ha fame. Attenzione ai corsi d’acqua nel quale potrebbe esserci il rischio della presenza di comuni batteri che potrebbero causare disturbi gastrointestinale al nostro amico a quattro zampe

Non dimenticate il libretto sanitario e certificato di iscrizione all’anagrafe canina. Dimostrare la proprietà, ed essere in regola con le vaccinazioni, è un obbligo.

Inutile ricordare, ma lo facciamo comunque, di trattate il cane con un antiparassitario che dia protezione da pulci e zecche. Informatevi preventivamente presso il vostro veterinario.

Benché i polpastrelli del cane sono protetti da ogni condizione climatica e di percorso taglietti, abrasioni e irritazione possono capitare. Una volta conclusa l’escursione asciugare e pulire accuratamente le zampe, e controllate le possibili irritazioni.   

In montagna capita sovente che il cane mangi la neve e il ghiaccio, e che se esagera possono verificarsi vomito e diarrea. In tal caso è bene rivolgersi immediatamente al proprio veterinario per scongiurare problemi più gravi.

A proposito di neve esistono in commercio delle pomate per la protezione delle zampe in presenza di gelo, neve, ghiaccio, fango e terreno accidentato. Potete rivolgervi dal veterinario o in farmacia per la marca più idonea.

Un altro pericolo da non sottovalutare è che neve cancella le tracce seguite dai cani e girovagando in libertà possa perdere l’orientamento. Dunque, se tendenzialmente il vostro cane non risponde ai comandi, sarebbe meglio tenerlo al guinzaglio.

Posso portare un cucciolo in montagna?

È nota la raccomandazione che i cuccioli, specie i primi mesi, non dovrebbero fare le scale e salite ripide poiché possono sforzare i gomiti e le anche. Rivolgetevi al vostro veterinario che saprà consigliarvi al meglio se il vostro cucciolo potrebbe affrontare un percorso in montagna.

La possibilità d trascorrere le vacanze in montagna con il cane, e qui potete trovare i migliori hotel, e far si che possa passeggiare nei boschi al fresco, seguire le piste e il proprio naso, ruscelli dove poter fare il bagno in d'estate rappresentano le attività preferite dai nostri amici a quattro zampe. Portare il cane in montagna è uno dei luoghi ideali per loro, poiché ritornano a vivere in libertà spesso spenta nei centri urbani.

Questo articolo è puramente informativo: ti invitiamo a portare il cane dal veterinario, nel caso in cui si presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Ti è stato utile questo articolo? Partecipa attivamente, commenta o condividi, dal sito o dalle nostre pagine social.

Immagini:Foto di 2999607 da Pixabay

Commenti offerti da CComment